Crea sito

Se non fai niente, aiuti lui. Ma se fai qualcosa, aiuti lei. Lo spot contro l’omertà

Il dibattito sulla disparità tra i sessi e sulle molestie sessuali oggi è più acceso che mai, eppure c’è un aspetto della questione che spesso passa in secondo piano: il ruolo chiave di chi è testimone, chi sa, chi potrebbe aiutare e che invece troppo spesso sceglie il silenzio.

Per paura, per egoismo, per qualsiasi motivo, il potenziale salvatore lascia la vittima a combattere da sola una battaglia più grande di lei, che nella maggior parte dei casi non è in grado di sostenere da sola.
Siamo soliti far passare queste persone come innocenti e estranee ai fatti; la verità è che sono a tutti gli effetti complici del carnefice.

Quando non fai nulla lo stai aiutando.
Ma quando fai qualcosa, aiuti lei.

Questo è il messaggio chiave della nuova campagna promossa dal governo dell’Ontario, #WhoWillYouHelp. Un video diffuso la scorsa settimana delinea a chiari contorni diverse situazioni in cui un terzo potrebbe essere in grado di intervenire informando chi di dovere o semplicemente imponendo al molestatore di smettere. Nello spot vediamo un uomo mette della droga nel cocktail di una donna, un impiegato che molesta la sua collega in ufficio, un ragazzo che mostra agli amici le immagini intime della fidanzata, un altro che tenta di abusare di una ragazza ubriaca ad una festa. Tutti e quattro si rivolgono alla telecamera dicendo:

Grazie di tenere la bocca chiusa.

Grazie di farti gli affari tuoi.

Grazie di non dirlo alla mia ragazza.

Grazie di non dirlo a nessuno.

 



Forse un terzo non sarà sempre in grado di aiutare in modo efficace una donna in difficoltà senza mettere in pericolo anche sé stesso, ma il messaggio che la campagna intende veicolare vuole ricordare a tutti noi che spesso il potere di parlare può fermare la violenza, e che basta davvero poco, anche un piccolo gesto di solidarietà e coraggio, a fare la differenza. L’omertà non paga, in nessun caso.
L’Ontario ha diffuso questo spot nell’ambito di un piano ideato e redatto per sopprimere il fenomeno della violenza sessuale concentrandosi sulle cause profonde che portano allo stupro e alle molestie in generale – atteggiamenti malsani e disuguaglianza di genere.

E tu, chi aiuterai? La vittima o il carnefice?

(Fonte)

You may also like...

Altro... Emozioni immagini e parole, Video
La sigla di Dexter… Come fosse uno sceneggiato polacco degli anni ’80!

Acqua è vita: l’emozione nel bere acqua pulita per la prima volta nella vita

Lancia un asciugamano oltre il davanzale della finestra: il motivo vi farà sorridere

Conosci questo gioco? Quello che fa questo bambino è straordinario!

Un mondo sotto sopra

Chiudi